skip to Main Content
Contattaci per sapere di più sui prossimi eventi e workshop!             +39 02 28099066 info@okgroupsrl.com
La Prossima Sfida Del Fotovoltaico? Lo Smaltimento Dei Pannelli Solari

La prossima sfida del fotovoltaico? Lo smaltimento dei pannelli solari

In un recente studio, i ricercatori del National Renewable Energy Laboratory hanno avvertito che entro la fine di questo decennio, circa 8 milioni di tonnellate di rifiuti di pannelli solari potrebbero finire nelle discariche di tutto il mondo

Il fotovoltaico sta procedendo a ritmo spedito: le installazioni di pannelli solari hanno raggiunto un totale di 629 GW l’anno scorso, con un aumento del 12% rispetto al 2018. Ma molto presto, cioè quanto questi impianti arriveranno a fine vita, potrebbe emergere un grosso problema: quello della gestione dei rifiuti.

UN METRO DI PARAGONE

I pannelli solari variano per dimensioni e capacità, ma basta un esempio per capire di cosa si parla: Un impianto a energia solare con una capacità di soli 5 kW potrebbe essere composto da 20 pannelli, ciascuno con una capacità di 250 W o da 16 pannelli, ciascuno con una capacità di 300 W. Quindi, ci vogliono da 16 a 20 pannelli per un impianto da 5 kW.

Un gigawatt di potenza equivale a un milione di kilowatt. Se prendiamo l’installazione di pannelli di dimensioni più grandi ci vorrebbero 3,2 pannelli per kW di capacità. Ora moltiplichiamo questo per la capacità solare globale aggiunta solo l’anno scorso, che era di 114,9 GW ed chiaro che si sta parlando di decine di milioni di pannelli aggiunti solo l’anno scorso. E ce ne sono altri milioni in funzione, alcuni dei quali vicini alla fine della loro vita utile.

LO STUDIO DEL NATIONAL RENEWABLE ENERGY LABORATORY

In un recente studio, i ricercatori del National Renewable Energy Laboratoryhanno avvertito che entro la fine di questo decennio, circa 8 milioni di tonnellate di rifiuti di pannelli solari potrebbero finire nelle discariche di tutto il mondo. Ed entro il 2025 si potrebbe arrivare a 80 milioni di tonnellate. Si tratta di un aumento rispetto alle sole 250.000 tonnellate del 2016.

RIFIUTI NON NOCIVI

Alcuni ritengono che i rifiuti dei pannelli solari non sono particolarmente nocivi. Secondo Andrew Blakers in un articolo su Renew Economy Australia, per esempio, “la vita lavorativa tipica dei pannelli è di 30 anni e quindi solo 2 metri quadrati di pannello andranno in pensione ogni anno a persona, con un peso di 20 kg, quasi tutti adatti al riciclaggio”. Si tratta dell’1% dei rifiuti solidi annuali generati a persona e di una parte su mille del peso delle emissioni annuali di anidride carbonica australiana a persona. A titolo di confronto, un’auto pesa in genere 1500 kg e dura 10 anni, generando così una media di 150 kg di rifiuti all’anno”.

Andrew Blakers osserva anche che la maggior parte di un pannello solare è costituito da vetro, un po’ di silicio, che non è tossico, e “piccole quantità di rame, argento, alluminio e piccolissime quantità di saldature”.

GLI AMBIENTALISTI

Anche l’Agenzia Internazionale per l’Energia afferma che i pannelli solari comportano pochi rischi per la salute umana. Ma non tutti sono d’accordo. In un articolo del 2018 per Forbes, l’attivista ambientale Michael Schellenberg ha citato gli addetti ai lavori e i ricercatori dell’industria solare, affermando che i rifiuti dei pannelli solari contengono elementi tossici che possono fuoriuscire nel terreno se i pannelli vengono smaltiti in discarica. Inoltre, è proprio a causa di questi elementi tossici – tra cui cadmio, piombo e antimonio – che il riciclaggio dei pannelli solari rappresenta una sfida. La sfida sta nel fatto che, sebbene il 90% di un pannello sia vetro, non può essere riciclato come qualsiasi altro vetro a causa delle impurità.

Può sembrare sorprendente, data la spinta globale a costruire capacità di energia solare, che il problema del riciclaggio non sia stato ancora affrontato, ma sembra che sia proprio così. All’inizio di questo mese, uno scienziatodell’università australiana Charles Darwin ha dato l’allarme per migliaia di pannelli solari che nei prossimi anni saranno smantellati solo nel Territorio del Nord.

NON TUTTI ASPETTANO IL FINE VITA

“C’è la percezione che tutto ciò che è stato realizzato possa essere riciclato, ma non è così facile. I pannelli solari non sono stati fatti per essere dismessi – ha detto Deepika Mathur ai media australiani -. Dato che i pannelli più vecchi stanno già raggiungendo la fine del loro ciclo di vita, è fondamentale iniziare a pianificare le fasi di smontaggio, rimozione, raccolta e riciclaggio della gestione”, ha aggiunto. Inoltre, c’è da considerare che teoricamente la vita di un pannello solare può essere di 30 anni nel migliore dei casi ma anche il fatto che molti vengono smantellati prima.

“I consumatori stanno cambiando i loro pannelli fotovoltaici dopo 10-12 anni piuttosto che la loro prevista fine della vita utile di 20-25 anni – a detto Mathur -. I pannelli in lavorazione vengono sostituiti man mano che i progressi tecnologici aumentano l’efficienza e riducono i costi dei nuovi pannelli”.

In sostanza, le persone stanno trattando i loro pannelli solari come trattano le loro auto, scambiando un vecchio modello con un nuovo modello molto prima che il modello più vecchio raggiunga la fine della sua vita produttiva. Sebbene tale decisione sia, in molti casi, giustificata da motivi di efficienza, sicurezza e prestazioni, sembra aggravare il problema del riciclaggio. Più a lungo questo problema rimane trascurato, più difficile sarà trovare una soluzione.

 

*ARTICOLO DI ENERGIA OLTRE*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top