skip to Main Content
Contattaci per sapere di più sui prossimi eventi e workshop!             +39 02 28099066 info@okgroupsrl.com
Fotovoltaico Galleggiante, Nel Lago Tian Gang In Cina Nuota Un Pesce “solare”

Fotovoltaico galleggiante, nel lago Tian Gang in Cina nuota un pesce “solare”

La pandemia non ferma il fotovoltaico in Cina

La tecnologia del fotovoltaico galleggiante, non originale come quella del pesce solare, sta progressivamente diffondendosi a livello mondiale, ritagliandosi anche in Cina spazi di rilievo nella produzione di energia da fonti rinnovabili.

La crescita del fotovoltaico in Cina non è stata fermata nemmeno dalla pandemia scatenata dalla Covid-19. Nei primi tre mesi del 2020, nonostante il picco dell’emergenza sanitaria, sono stati installato 4 gigawatt (GW). Numeri in positivo seppure, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, le nuove installazioni siano diminuite del 24 per cento.

Un rapporto della National energy administration rivela che sono stati installati 2.23 GW di progetti su larga scala e 1,72 GW di sistemi per la generazione distribuita. Alla fine di marzo 600 MW di nuovi pannelli solari sono stati montati nella provincia di Guangdong, 470 nella Mongolia Interna, 360 nello Zhejiang, 290 nello Shanxi e 280 nello Shandong.

Il fotovoltaico è stata l’unica fonte di energia rinnovabile la cui produzione non è diminuita tra gennaio e febbraio, anche se nel primo trimestre 2020 la domanda è scesa del 6,5 per cento rispetto allo scorso anno. Un settore ormai consolidato che anche in momenti di profonda crisi, non solo economica ma anche sanitaria, può essere fondamentale per il fabbisogno energetico mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top